stabile

La nuova ala aggiunta.

L’ 11 maggio 1994 la Fondazione Casa Cinque Fonti ha inoltrato la richiesta di sussidio per l’ammodernamento parziale dell’Istituto. Sulla scorta di indicazioni dipartimentali, lo studio di progettazione arch. Geo Pedrojetta ha elaborato un piano di ristrutturazione che ingloba i reparti con le camere e i servizi centrali, cucina, riscaldamento, sistema elettrico, gli spazi esterni, i posteggi, la canalizzazione, ecc.
Il credito di costruzione è stato votato dal Gran Consiglio nell’ottobre del 1997 e nella primavera del 1998 sono iniziati i lavori di ristrutturazione.
La Direzione ha affidato la direzione dei lavori alla Gimotecno SA la quale, coadiuvata dal progettista, ha stabilito l’importo forfettario di 12.5 milioni di franchi.
Il finanziamento dell’opera per la quota parte non coperta dal sussidio del Cantone è andata ad aumentare il debito ipotecario.
La Fondazione ha chiesto un apporto finanziario al Patronato Svizzero per i comuni di Montagna, ente che ci ha favoriti finanziariamente procurandoci un sussidio non indifferente da parte del governo del Canton Zurigo, all’Ufficio regioni di montagna (LIM) e all’Ufficio federale dello sviluppo economico e del lavoro.