stabile

La Fondazione"Ricovero delle Cinque Fonti" ha per scopo l’esercizio di un istituto in aiuto alle persone di ambo i sessi al fine di provvedere alla loro accoglienza, assistenza, cura sanitaria, ed ospitalità. L’Istituto desidera offrire all’anziano un luogo dove vivere con un’alta qualità di vita, creando un ambiente gioioso e sereno.

La Casa per Anziani Cinque Fonti si rivolge perlopiù all’anziano non autosufficiente in età avanzata che non può, in modo continuativo e permanente, gestire da solo la propria vita. In questo senso, allo scopo di una presa a carico sanitaria, la Casa mette in campo un’équipe di professionisti quali medici, infermieri, fisioterapisti, ergoterapisti, assistenti di cura, operatori OSS/OSA. Tuttavia, l’Istituto vuole offrire più della semplice presa a carico sanitaria: esso desidera che l’anziano non sia semplicemente in buona salute, ma anche felice. Per questo motivo, nella Casa vengono organizzati momenti di animazione (vedi documento concernente la filosofia dell’animazione dell’Istituto) affinché la permanenza del residente e sia resa il più accogliente possibile rispettando soprattutto i suoi gusti personali. La filosofia della Casa a questo scopo cerca di favorire il contatto tra il residente e il mondo esterno all’Istituto, ritenendo fondamentale che l’anziano possa conservare un legame con persone o luoghi per lui di riferimento.

Su questa linea, la Casa favorisce una visione secondo cui i diritti dell’anziano non autosufficiente sono quelli di ciascun altro individuo: diritto alla vita e alla sua identità personale intesa come rispetto globale del suo vissuto, delle sue esigenze ed aspirazioni. In questo senso, nel nostro Istituto e nel rispetto della sacralità dell’UOMO, le cure erogate agli anziani si basano sul rispetto di ogni individuo.

Obiettivi

  • Accogliere il residente aiutandolo a personalizzare la sua camera, per favorire la sua integrazione nell’Istituto;
  • Preservare nei limiti possibili la sua autonomia psico-fisica;
  • Adattare le cure secondo la persona ed il vissuto del residente (patologie, cultura, religione);
  • Intervenire con cure appropriate a livello infermieristico e medico;
  • Coinvolgimento delle varie figure professionali attive all’interno dell’Istituto allo scopo di una presa a carico multidimensionale.

Pertanto, il residente è al centro dei nostri interessi, rispettando i criteri di benessere, sicurezza, efficacia ed economicità.

L’Istituto intende perseguire l’innalzamento costante della qualità dei servizi offerti. Al centro della sua missione restano il benessere e la dignità della persona anziana, la professionalità dei suoi operatori e una corretta e efficiente conduzione gestionale.

Essendo per l’Istituto Cinque Fonti la Curia vescovile ticinese istanza di riferimento, esso è ispirato da un orientamento cattolico e più in generale al rispetto della vita. Quindi, in considerazione dei principi morali di questo orientamento e del resto del quadro giuridico svizzero attualmente in vigore (in particolare riferendosi alle direttive dell’Accademia svizzera delle scienze mediche e alla Società svizzera della medicina palliativa), la Casa non prevede al suo interno la pratica del suicidio assistito o qualsiasi forma di eutanasia. D’altra parte, nella Casa si cerca di evitare l’accanimento terapeutico verso il morente e sue inutili sofferenze al fine di garantirgli una morte serena.